È vero che i farmaci per l'HIV possono curare il coronavirus?


Risposta 1:

Una combinazione di farmaci per l'influenza e l'HIV potrebbe essere in grado di trattare casi gravi di 2019-nCoV, il nuovo coronavirus che è emerso in Cina, secondo i medici thailandesi che si sono occupati di pazienti infetti. L'approccio del team, che ha utilizzato grandi dosi del farmaco antinfluenzale oseltamivir combinato con i farmaci per l'HIV lopinavir e ritonavir, ha migliorato le condizioni di numerosi pazienti presso l'ospedale Rajavithi di Bangkok.

"Questa non è la cura, ma le condizioni del paziente sono notevolmente migliorate", afferma Kriangsak Atipornwanich dell'ospedale Rajavithi di una donna cinese di 70 anni di Wuhan, secondo

Reuters

. "Dal test positivo per 10 giorni sotto la nostra cura, dopo aver applicato questa combinazione di medicinali il risultato del test è diventato negativo entro 48 ore."

La Thailandia ha finora registrato 19 casi di coronavirus, riferisce Reuters, rendendolo il paese con il maggior numero di infezioni nel sud-est asiatico. Otto pazienti si sono ripresi, mentre gli altri sono ancora in cura. I funzionari affermano che il ministero della salute del paese si riunirà oggi (3 febbraio) per discutere il nuovo trattamento per i casi gravi. "Dobbiamo ancora fare ulteriori studi per determinare che questo può essere un trattamento standard", dice Atipornwanich ai giornalisti.

Altri paesi hanno anche mostrato interesse nell'uso di farmaci per l'HIV contro il nuovo coronavirus. La National Health Commission cinese ha recentemente iniziato a raccomandare lopinavir e ritonavir (venduti insieme da AbbVie pharma dell'Illinois come Kaletra), secondo

Farmacia feroce

. AbbVie si è impegnata a donare Kaletra per circa 1,5 milioni di dollari.

Uno studio clinico controllato randomizzato è ora in corso in Cina per testare l'efficacia dei farmaci anti-HIV, secondo uno studio pubblicato la scorsa settimana (24 gennaio) in

The Lancet

. Gli scienziati di Hong Kong probabilmente testeranno anche questi farmaci nei pazienti insieme a farmaci che rafforzano il sistema immunitario, dice il microbiologo dell'Università di Hong Kong Yuen Kwok-Yung

Scienza

.

Altri trattamenti considerati dai governi nazionali e dalle aziende farmaceutiche includono il remdesivir di Gilead Sciences, un farmaco progettato per trattare l'Ebola ma che non ha superato i test di efficacia. "Gilead sta lavorando a stretto contatto con le autorità sanitarie globali per rispondere al nuovo focolaio di coronavirus (2019-nCoV) attraverso l'uso appropriato sperimentale del nostro remdesivir composto in fase di sperimentazione", afferma il responsabile medico dell'azienda Merdad Parsey in un

dichiarazione

.

Moderna Therapeutics, con sede nel Massachusetts, nel frattempo sta collaborando con l'Istituto nazionale americano di allergie e malattie infettive per sviluppare un vaccino contro l'mRNA,

Farmacia feroce

rapporti.

Catherine Offord è redattore associato presso

Lo scienziato

. Mandala via email a

cofford@the-scientist.com

.

parole chiave:

2019-nCoV

terapia antivirale

Cina

coronavirus

malattia e medicina

epidemico

epidemiologia

guscio di noce

farmaceutica e biotecnologica

Tailandia

vaccino

Trending

OGT lancia il rivoluzionario pannello CytoSure NGS per la citogenetica costituzionale

Lo scienziato parla podcast - Episodio 1

Immagine del giorno: tracce di dinosauri

Diventando virale per le ragioni sbagliate

Multimedia

Immagine del giorno: tracce di dinosauri

Immagine del giorno: Vermi rigeneranti

GENNAIO / FEBBRAIO 2020

Una luce nell'oscurità

Disimballare la complessa neurobiologia del suicidio

ISCRIVITI OGGI

Contenuto sponsorizzato

LabQuizzes

Webinar

video

infografica

eBooks

Lo scienziato parla podcast - Episodio 1

Birds on the Brain: The Neuroscience Behind Songbird Communication and Human Speech

Un sistema operativo per ricerca e sviluppo

Scarica questo eBook per scoprire come è necessaria la digitalizzazione del laboratorio per stare al passo con la scienza moderna, rende più semplice la ricerca quotidiana e può essere eseguita semplicemente integrandosi con le pratiche esistenti.

Sistemi di ricerca e sviluppo: tipi di proteine ​​biotinilate

Esamina le differenze tra i diversi tipi di proteine ​​biotinilate per scegliere quella giusta per il tuo test!

Riflettori puntati sulle neuroscienze

Profilazione di cinque neuroscienziati che utilizzano tecniche di profilazione spaziale e cellulare singola per acquisire nuove conoscenze sulla disfunzione del sistema nervoso.

Mercato

Aggiornamenti sui prodotti sponsorizzati

Nicoya lancia Alto, il primo sistema SPR digitale da banco al mondo, per accelerare la scoperta di droghe

Nicoya, fornitore leader di strumenti analitici avanzati per le industrie biotecnologiche e farmaceutiche, ha annunciato oggi il lancio di Alto, il primo sistema al mondo di risonanza plasmonica di superficie (SPR) completamente automatizzato e ad alto rendimento.

OGT lancia il rivoluzionario pannello CytoSure NGS per la citogenetica costituzionale

Il pannello robusto consente uno screening accurato e completo delle aberrazioni genetiche in un unico test

Ottenere il massimo dal bioprocessing CAR-T

Scopri come la caratterizzazione funzionale automatizzata può beneficiare della ricerca sulle cellule CAR-T con questa nota tecnica di IsoPlexis!

Arbor Biosciences e LGC, partner di Biosearch Technologies su Marker Discovery e Genotyping in Agrigenomics

Arbor Biosciences, una divisione di Chiral Technologies, Inc. e leader mondiale nell'arricchimento degli obiettivi di sequenziamento di prossima generazione (NGS), ha annunciato oggi una partnership con Biosearch Technologies, il portafoglio completo di genomica del gruppo LGC. Il gruppo LGC è stato fondato oltre 175 anni fa e oggi fornisce prodotti e servizi nel settore delle scienze della vita per migliorare l'assistenza sanitaria umana, la tecnologia agroalimentare e l'ambiente in tutto il mondo.

Resta connesso

PAGINE FACEBOOK

LO SCIENZIATO

LE CARRIERE DELLO SCIENTISTA

LO SCIENTISTA DEL GENOME

L'ENVIROSCIENTISTA

LO SCIENTISTA DELLE CELLULE

IL MICRO SCIENTISTA

LO SCIENTISTA DEL CANCRO

IL NEUROSCIENTISTA

CHI SIAMO E CONTATTI

POLITICA SULLA RISERVATEZZA

ELENCHI DI LAVORO

SOTTOSCRIVI

PUBBLICITÀ

ORA PARTE DEL GRUPPO LABX MEDIA:

RIVISTA DEL RESPONSABILE DEL LABORATORIO

|

LabX

|

LABwrench

© 1986 - 2020

LO SCIENZIATO

. TUTTI I DIRITTI RISERVATI.


Risposta 2:

No. I farmaci per l'HIV non possono essere usati per trattare il romanzo coronavirus. Di fatto al momento non sono disponibili farmaci per curare il virus. Gli esperti stanno cercando di sviluppare un farmaco per il nuovo coronavirus. Ricerche approfondite vengono condotte in quella direzione. A partire da ora è possibile solo il trattamento e la prevenzione sintomatici. Vengono impiegati metodi come la quarantena della persona sospettata e l'igiene personale. Altrimenti non esiste un farmaco per il romanzo Coronavirus.


Risposta 3:

Ha notato che pochi medici della terapia retrovirale dell'HIV sono stati usati con successo come farmaci da cocktail per curare poche persone. Quindi potrebbe essere possibile utilizzare in quanto è la terapia antivirale solo come indicato anche nel nostro video.

Condividi sotto il video per diffondere consapevolezza sulle precauzioni di #WuhanCoronavirus.

Coronavirus ha ucciso 300 persone | L'India ha confermato il primo caso | wuhan | sintomi | precauzioni


Risposta 4:

Il virus che causa l'HIV non appartiene alla famiglia dei coronavirus. Pertanto, è probabile che i farmaci per l'HIV non siano di aiuto. La Cina sta curando i suoi pazienti con medicinali comprovati per la SARS perché il coronavirus appartiene alla stessa famiglia. E sembrano funzionare anche loro. (La mortalità è <= 2%).

Ad ogni modo, il pericolo con il coronavirus è che causa una patologia simile alla polmonite che non è difficile da trattare se viene somministrato un medicare tempestivo ed efficace E la costituzione dei pazienti è comunque buona. I neonati, gli anziani e quelli con immunità compromessa (ad es. HIV) potrebbero non sopravvivere.


Risposta 5:

È vero che i farmaci per l'HIV possono curare il coronavirus?

Può essere.

I farmaci per l'HIV sono antivirali, quindi alcuni di essi possono agire contro altre malattie virali. In Cina è stato avviato uno studio randomizzato e controllato per valutare l'efficacia e la sicurezza dell'uso combinato dei farmaci per l'HIV lopinavir e ritonavir in pazienti ospedalizzati con infezione 2019-nCoV.

La Cina ripropone il farmaco AbbVie per l'HIV mentre Big Pharma si raduna per combattere il coronavirus mortale

Caratteristiche cliniche dei pazienti infetti dal nuovo coronavirus del 2019 a Wuhan, in Cina


Risposta 6:

Alcune istituzioni hanno lavorato con farmaci già approvati che sopprimono l'HIV. Hanno avuto un successo limitato nei test di laboratorio e sperano di trovare una combinazione e un dosaggio utilizzabili. Vale certamente la pena provare come mezzo per sopprimere il virus (Covid-19) nei pazienti malati, ma non impedirà una recidiva o ucciderà il virus. Potrebbero sopprimerlo al punto che il sistema immunitario del corpo può ucciderlo. Il problema più grande sono gli effetti collaterali e la sicurezza, supponendo che possano trovare un mix e una dose efficaci.


Risposta 7:

Q

. Perché i farmaci per l'HIV sono usati per trattare il nuovo coronavirus?

UN

. Perché quando appare un nuovo virus senza che siano disponibili trattamenti standard noti, i medici possono provare nuovi o vecchi farmaci per contrastare la malattia.

Tra i potenziali trattamenti c'è un farmaco per l'HIV, Kaletra, che può funzionare per bloccare un enzima di cui il virus ha bisogno per maturare.

Un farmaco non approvato usato per combattere il virus Ebola è in fase di test nei pazienti cinesi per vedere se può interrompere il materiale genetico del nuovo virus.

Le prove alla base di alcuni di questi medicinali sono fragili, hanno riconosciuto i ricercatori. Ma la strategia non è senza precedenti.

I medici combattono l'epidemia di coronavirus con farmaci che colpiscono l'HIV, la malaria e l'Ebola

La National Medical Products Administration of China ha approvato l'uso di Favilavir, un farmaco antivirale, come trattamento per il coronavirus. Secondo quanto riferito, il farmaco ha mostrato efficacia nel trattamento della malattia con effetti collaterali minimi in uno studio clinico su 70 pazienti. La sperimentazione clinica è in corso a Shenzhen, nella provincia del Guangdong. 18 FEBBRAIO 2020.