Quanto può diventare grave il coronavirus in Europa? Dobbiamo davvero preoccuparci?


Risposta 1:

La peste di Giustiniano e la Morte Nera hanno entrambi ridotto la popolazione europea del 45% o fino al 55% in alcuni punti.

Più di recente l'influenza spagnola del 1919 ha ucciso milioni di persone in Europa, più del totale combinato del caos omicida della prima guerra mondiale.

Ora l'Europa ha una popolazione più grande, più densa e più connessa e una piramide della popolazione inclinata verso l'alto verso la parte più vulnerabile e più anziana. In fondo i bambini sono più grassi, meno in forma, meno robusti e le famiglie ne hanno solo uno o due, a differenza del 1919 quando avevano 5, 6 o addirittura 8 bambini.

Quindi sì, c'è molto di cui preoccuparsi, se arriva in Albania, Bulgaria, Romania ecc. Dove i servizi non sono così buoni e il governo controlla meno robusto e supportato da molto meno denaro c'è un problema.

Se arriva in metropolitana a Madrid, Londra o Parigi, ci sono grossi problemi, hanno solo spazio mortuario per poche centinaia di cadaveri e il finanziamento della salute magra significa che ci sono pochi letti con la consegna dei servizi appena in tempo.

L'Europa ha avuto 8 settimane per prepararsi e non è pronta, questa è una preoccupazione.

Aggiornamento: l'ho scritto poche settimane fa e ora l'Italia è chiusa e casi in molte nazioni raddoppiano ogni 48 ore.

L'Europa era totalmente addormentata al volante insieme all'Iran e agli Stati Uniti. Le notizie sulla salute sono sia buone che tristi, i bambini possono essere asintomatici e non essere uccisi in numero, fantastico.

Sul lato oscuro, gli anziani (di cui l'Europa ha un carico di merda rispetto al resto del mondo) vengono uccisi con tassi fino all'8%, più alti nelle case di cura e nelle cure istituzionali.

L'America ha vietato i voli dall'Europa e l'economia europea già debole e le banche italiane vacillanti sembrano ora terrificanti, dopo la morte sono le conseguenze economiche che sembrano spaventose.

La curva di contenimento cinese è stata un periodo temporale di 3 mesi, che si trovava in uno stato totalitario, non in Europa, dove metà dei politici non è nemmeno in grado di concordare sulla definizione di salsiccia, quindi grosse possibilità di copiare la risposta gestionale in ritardo ma efficace della Cina.

Un'altra buona notizia è che i sintomi si manifestano in media in 5,2 giorni, quindi la quarantena potrebbe essere ridotta e la maggior parte delle persone riceve un caso lieve.

Gli effetti economici potrebbero durare per un decennio influenzando la generazione ancora povera o nel lavoro temporaneo del GFC.

La paura è che il virus ottenga un milione o dieci milioni o un miliardo di iterazioni sul monsone nelle città asiatiche e africane e nell'inverno nell'emisfero australe potrebbe trasformarsi in qualcosa di ancora più micidiale, quindi tornare e dare calci a un'Europa impoverita nel culo , siamo tra 12 e 18 mesi da un vaccino diffuso.


Risposta 2:

Fino a poco tempo fa, i paesi occidentali si sono uniti all'unanimità alla stessa strategia:

  • Testare con parsimonia le persone solo quando sono tornate da un'area infetta o sono state in contatto con tale persona.
  • Imporre restrizioni di viaggio o divieto assoluto alle aree infette.

Ora non conosco il ragionamento scientifico per cui lo hanno fatto anche dopo aver confermato le trasmissioni della comunità, ma ha avuto gravi conseguenze per l'Europa occidentale.

Tre settimane fa, la Corea del Sud ha avuto circa 3.000 casi, l'Italia poche centinaia e Francia, Germania, Stati Uniti, Regno Unito e Svizzera hanno avuto circa una dozzina o due casi.

Ora il grafico è simile al seguente:

L'Italia si sta avvicinando alla Cina per numero di casi e Spagna, Germania e Francia avranno più della Corea del Sud in meno di una settimana.

Come è potuto succedere? Bene, una solida teoria è che la Corea del Sud è stata test di massa.

Significa CHIUNQUE che mostra sintomi comuni al coronavirus ottiene un test gratuito. E le stazioni di prova sono molto visibili e ampiamente disponibili al pubblico. Naturalmente, se non mostri sintomi e non hai avuto alcun contatto con qualcuno che potrebbe avere il coronavirus, devi pagare una tassa di $ 150. (che è ancora molto più basso delle tasse in Occidente)

Questo è ovviamente molto più efficace l'approccio occidentale per il contenimento, perché il governo coreano è in grado di rilevare precocemente una persona infetta da un cluster, testare aggressivamente la regione in cui si trova il cluster, quindi mettere in quarantena tutte le persone infette in quel cluster.

Questa strategia ha anche permesso alla Corea del Sud di ridurre il numero di nuovi casi SENZA imporre alcun blocco regionale o nazionale e imporre restrizioni minime di viaggio. (Significato interno, l'impatto economico del coronavirus era limitato)

Al momento, l'Europa è ostinatamente aggrappata alla sua attuale politica.

Ma ci sono voci di malcontento in aumento. La gente sta notando che c'è una differenza significativa nel tasso di nuovi casi in Italia e nel tasso di nuovi casi in Corea del Sud. Quindi c'è una crescente attenzione ai test. Soprattutto nel Regno Unito.

Se funziona in Corea del Sud, perché diavolo non lo stiamo facendo anche noi?

E gli Stati Uniti hanno recentemente fatto un'inversione a U quando Trump ha dichiarato l'emergenza nazionale e ha annunciato che i test sul coronavirus saranno gratuiti e mirano alle trasmissioni della comunità - piuttosto che a quelle che provengono dall'estero.

Ciò potrebbe cambiare la fortuna della traiettoria americana dell'epidemia. E si spera, per i paesi europei che non lo stanno soffrendo come l'Italia (e ora Spagna e Francia) faranno lo stesso.

Altrimenti, tutta l'Europa occidentale è condannata a seguire le orme dell'Italia, e sono passate solo poche settimane per l'Italia. Siamo ancora AL MINIMO a 7 mesi dal vaccino. Nel peggiore dei casi, la disponibilità di un vaccino potrebbe richiedere fino a 18 mesi.

Dato che sappiamo poco o nulla su come si comporta il coronavirus a lungo termine, è molto probabile che possa colpire i paesi aggressivi che hanno perso il controllo senza sosta fino all'arrivo del vaccino.

Ecco perché è fondamentale minimizzare il danno il più possibile con qualsiasi mezzo aggressivo necessario fino a quando non otteniamo il vaccino.


Risposta 3:

Per quanto abbiamo osservato, il virus è molto contagioso. I governi di ogni paese devono assicurarsi di disporre di adeguate politiche sanitarie per gestire una situazione che può degenerare molto rapidamente. Il pubblico deve anche essere informato e istruito su cosa aspettarsi per non creare il panico necessario. Il virus non è estremamente mortale al momento e molte vittime si sono riprese dal virus. Tutti noi dobbiamo solo lavorare insieme per superare questo focolaio e prendere il controllo della situazione.

Direi che c'è motivo di preoccupazione, ma non c'è bisogno di farsi prendere dal panico e diventare isterici.