La maggior parte delle persone sta sottovalutando l'impatto che COVID-19 (romanzo coronavirus) avrà sulle loro vite quest'anno?


Risposta 1:

Sì.

COVID-19 è molto peggio dell'ebola: è una pandemia pericolosa che probabilmente infetterà il 50 percento della popolazione mondiale. Molte persone moriranno.

La ragione per cui così poche persone se ne rendono conto, è che l'indicazione principale per una pandemia di COVID-19 non è ciò che vediamo attualmente (diminuzione del numero di infezioni in Cina, piccoli focolai in Italia e Corea del Sud), ma il principale indicatore per l'imminente l'epidemia mondiale è ciò che attualmente non vediamo.

Cosa vediamo attualmente? Focolai in Italia e Corea del Sud. L'interessante "coincidenza" delle recenti notizie sull'epidemia in Corea del Sud e in Italia è che entrambi i paesi hanno un sistema sanitario di alto livello e un alto livello di preparazione a tale epidemia.

Esistono centinaia di paesi al mondo in cui è possibile un focolaio poiché il virus si è già diffuso in tutti i continenti tranne il Sud America e l'Antartide. Ma ora vediamo focolai ben documentati in due paesi specifici: Corea del Sud e Italia. Entrambi i paesi hanno un alto livello di assistenza sanitaria e un alto livello di preparazione a un focolaio di virus. Logicamente, ci sono tre spiegazioni per questa coincidenza:

  • La malattia COVID-19 sceglie paesi con un alto livello di assistenza sanitaria e preparazione (ovviamente non è vero).
  • È solo una coincidenza
  • Attualmente ci sono molte città e villaggi in tutto il mondo con un focolaio, ma i focolai vengono rilevati e seguiti solo in luoghi con un alto livello di assistenza sanitaria e preparazione.

Penso che l'opzione 3 sia l'ovvia spiegazione. Il che implica che mentre parliamo, molti focolai come in Corea del Sud stanno accadendo in paesi come Myanmar, Corea del Nord, India e Iran. Questi focolai non verranno individuati e non verranno eseguite misurazioni adeguate come test su larga scala della popolazione locale. E successivamente non ci sono segnalazioni su un numero crescente di infezioni.

Il fatto che non si vedano segnalazioni di focolai in luoghi in cui è più probabile che si verifichino focolai, probabilmente causati dallo stato dell'assistenza sanitaria locale, è preoccupante.

Un'altra indicazione di tali focolai nascosti e quindi uno scenario di pandemia è che si troveranno infezioni in persone che non hanno visitato la Cina e non sono state in contatto con persone che hanno fatto, ma che hanno viaggiato in paesi in cui non è stata segnalata epidemia su larga scala Esattamente quello che è appena successo: l'ultima infezione trovata in Canada. Quella persona infetta era stata in Iran, dove secondo le cifre ufficiali sono infette meno di 30 persone, su una popolazione di 50 milioni. È altamente improbabile che il canadese sia infetto in Iran avendo contatti con una di queste meno di 30 persone infette. È molto più probabile che già molte (diecimila?) Persone in Iran siano infette, ma non testate e non segnalate.

Nelle prossime settimane potremmo vedere sempre più di queste improbabili infezioni da viaggiatore, che creeranno ulteriori prove della diffusione della pandemia del virus. E sì, una tale pandemia è irraggiungibile, proprio come l'influenza. Gli Stati Uniti e nessun altro paese sono in grado di tenere fuori il virus dell'influenza. COVID-19 è più contagioso dell'influenza. Quindi COVID-19 si diffonderà in tutto il mondo e probabilmente sarai esposto al virus un giorno dopo quest'anno, a meno che tu non fugga in una cabina isolata e vivi da solo.

E non sono solo in questa idea:

"Penso che probabilmente vedremo una pandemia globale. Se si verifica una pandemia, è probabile che il 40-70% delle persone in tutto il mondo sia infetto nel prossimo anno. "

Prof. Marc Lipsitch

Prof. of Epidemiology, Harvard School of Public Health Head, Harvard Ctr. DynamicsFeb delle malattie trasmissibili. 14, 2020

Ciò che è anche angosciante, è che per ogni persona che è finora deceduta dal virus, non vengono curate 49 persone (tasso di mortalità del 2%), ma solo 9. Il che suggerisce che il virus abbia effettivamente un tasso di mortalità del 10%. La teoria secondo cui il tasso di mortalità è solo del 2 percento (numero totale di persone decedute, diviso per il numero totale di persone infette) si basa sul presupposto ovviamente imperfetto che tutte le persone attualmente infestate saranno curate.

Sulla base delle osservazioni di cui sopra, mi aspetto che presto ci saranno preoccupazioni e panico, e di conseguenza l'economia mondiale probabilmente crollerà.

Quindi ora conosci la verità. Vai a salvare le tue risorse e ringraziarmi dopo l'incidente :)