Gli ospedali americani sono pronti a rispondere ai pazienti con coronavirus?


Risposta 1:

C'era un piccolo ospedale nel sud dello Utah, negli Stati Uniti, che ha deciso di prepararsi per un focolaio di Ebola qualche anno fa (quando c'era il grande spavento dell'Ebola). Hanno eseguito le esercitazioni e predisposto piani di emergenza di emergenza e si sono preparati. Quindi l'epidemia di Ebola è stata contenuta e, per fortuna, non hanno avuto bisogno delle loro nuove abilità.

Tranne ... l'anno scorso c'era un autobus turistico pieno di turisti dalla Cina che si è schiantato nelle vicinanze. (Ci sono bellissimi canyon nel deserto nello Utah meridionale. Ti consiglio di venire a trovarli qualche volta.) L'autista dell'autobus corse via dalla strada e l'autobus si è ribaltato. Ci sono stati alcuni decessi e circa 20 feriti. E indovina chi era pronto? Il piano dell'ospedale per un'emergenza medica era tutto pianificato, tutti avevano eseguito esercitazioni e sapevano cosa fare, chi chiamare, dove trasportare i pazienti, ecc ... Hanno gestito l'emergenza del bus senza problemi.

Quindi, se esiste un ospedale americano (o qualsiasi altro paese del primo mondo) NON preparato per il coronavirus, dovrebbero essere chiusi. Dagli arresti anomali del tour bus allo scoppio di un virus, ormai tutti dovrebbero essere pronti. Ci sono state un numero sufficiente di emergenze nel mondo per avvertire tutti di mettere in atto il loro atto.

Ho trovato una notizia online sull'incidente, ma la versione che ho trovato non menziona le esercitazioni di Ebola; dice solo "esercitazioni annuali". Quindi non posso verificare quella parte, ma ricordo di averlo letto. La maggior parte degli ospedali si prepara per grandi eventi.

"Caos caloroso, accogliente e organizzato": come un ospedale dello Utah in una piccola città ha curato 19 pazienti con incidente d'autobus


Risposta 2:

Gli ospedali americani sono pronti a rispondere ai pazienti con coronavirus?

Non ho una conoscenza diretta del livello di preparazione perché sono un canadese che lavora in Canada.

Il CDC sembra essere in cima alle cose rispetto alla guida che forniscono e mi aspetto che la maggior parte delle strutture sanitarie negli Stati Uniti prestino attenzione a questi rapporti e riesaminino la loro preparazione di conseguenza.


Risposta 3:

Come nel Regno Unito, mi aspetto che abbiano strutture per mettere in quarantena i pazienti e fornire cure di supporto se necessario.

Sono disponibili kit di test e l'unica incertezza è se la portata del problema possa essere affrontata, e non abbiamo ancora idea se sia vero.

Fortunatamente, finora, la percentuale di decessi tra i malati è inferiore a quella di SARS o MERS.


Risposta 4:

Il sistema sanitario per cui ho lavorato eseguiva esercitazioni Code Reds-Fire; mensile in diversi momenti del giorno o della notte. Gli ospedali negli Stati Uniti sono quasi standardizzati nei loro codici. Eseguiranno codici per condizioni meteorologiche avverse, bombe, pistole, fuoriuscite di prodotti chimici, neonati scomparsi, adulti, persone violente, catastrofi. Sono tutti "colorati" per mantenerlo il più uniforme possibile. Viene trasformato in dipendenti in quanto diventa una seconda natura. Lo senti e ti muovi.


Risposta 5:

La mia opinione, il personale medico dell'ospedale è a conoscenza dei virus della corona. Sono preparati alle medicine per aiutare? No, è più importante per quei paesi che hanno pazienti che attualmente hanno bisogno del farmaco. Fino a quando gli americani non avranno questa minaccia virale, allora l'ospedale prenderà le medicine necessarie.